close
    search Buscar

    Elysée Palace

    Who I am
    Aina Prat
    @ainaprat

    Item Feedback:

    content warning


    Eliseo uguale Parigi!

    Scopriamo qualcosa di più sulla fascinosa residenza ufficiale del Presidente della Repubblica Francese.

    The topics of Palazzo dell'Eliseo:

    • 1 What it is
    • 2 Where is it
    • 3 Is it possible to visit it?
    • 4 What to see inside
    • 5 Cosa vedere nelle vicinanze
    • 6 Un po’ di storia sul palazzo

    What

    Il Palais de l’Élysée è un palazzo signorile in stile rococò, costruito nella prima metà del diciottesimo secolo dal Conte di Evreux e appartenuto alla famosa Madame de Pompadour e ad altri illustri personaggi.



    L’edificio venne concepito secondo il classico stile francese de l’Hôtel particulier, comprendente un palazzo su diversi piani con una corte d’onore sul fronte e, sul retro, i giardini, che sono ancora oggi abbelliti da portici, cascate, fontane, labirinti, e da una grotta dorata.

    Where it is

    In 'ottavo arrondissement di Parigi, sulla riva destra della Senna, in the neighborhood di Saint-Honoré, vicino agli Champs-Elysées.

    Address: 55 di rue du Faubourg-Saint-Honoré.

    Fermate della metro più vicine:

    • Champs-Elysées - Clemenceau (line 1 e 13)
    • Miromesnil (lines 9 and 13)

    È possibile visitarlo?

    Normally not, but the 'heritage days' ('journées du patrimoine') are an exception, during which it is possible to visit places otherwise not accessible.

    These days were established in 1984 by the Ministry of Culture and Communication, and are held every year on the third weekend of September.

    In ogni caso, essendo l’Eliseo uno splendido complesso, vi darà una certa soddisfazione anche ammirarlo e fotografarlo dall’esterno.

    Cosa vedere al suo interno

    Pompadour Salon

    The palace includes 365 rooms (90 of which are underground).



    Queste le sale più raffinate e significative:

    • The "Hall of honor”Where the President receives the heads of state of foreign nations, and where a sculpture with 200 drapes of white marble and bronze stands out.
    • The room where guests hang around waiting to be received, Le Salon des tapisseries, che prende il nome dalle sue particolari tende, che rappresentano la storia di Scipione.
    • Le Salon Murat, with a large table, where the Council of Ministers takes place.
    • Le Salon Napoléon III, uno spazio destinato ai ricevimenti ufficiali, specialmente con i partner europei.
    • Room Village Hall, dove si svolge la cerimonia di insediamento del Presidente della Repubblica e dove hanno luogo anche le conferenze stampa ufficiali.
    • The President's office, Le Salon doré, che contiene gli arazzi e i mobili di maggior valore.
    • Le Salon Cléopâtre, una sala che prende il nome dall’incontro tra Antonio e Cleopatra, raffigurati in una parete.
    • Le Salon Pompadour, una sala che veniva utilizzata dalla marchesa per gli incontri di rappresentanza, mentre gli ambasciatori erano accolti ne The Ambassadors' Lounge
    • Il Salon des portraits, dove si trovano i ritratti di numerosi sovrani d’Europa dei tempi di Napoleone.
    • Le Salon des Aides-de-Camp, dove sono custoditi tanti mobili dell’epoca di Louis XV.

    Also noteworthy is the Winter Garden, realizzato nel 1881, che ospita tanti tipi di piante e comprende una galleria in vetro con il telaio in metallo.

    What to see nearby

    Place de la Concorde

    Il palazzo si trova in una posizione davvero felice e strategica.


    Tante le attrazioni nelle vicinanze:


    • The avenue of Champs Elysees, the long avenue among the most famous in Europe and the world. The northern part of the Elysée garden overlooks the boulevard.
    • The majestic Place de la Concorde with the Egyptian obelisk, which stands out between the Champs Élisèes and the Tuileries Gardens.
    • La Saint Augustin Church, one of the largest in Paris (100 meters long and 80 high!), built between 1860 and 1871 in the old popular suburb of Petite Pologne, which today takes the name of Place Saint-Augustin.
    • Il L'Orangerie Museum, la famosissima galleria d’arte impressionista e post impressionista, che dista circa un chilometro dall’Eliseo.
    • Il Museo Jacquemart – André, che ospita la collezione d’arte raccolta dai coniugi Edouard André e Nélie Jacquemart, between 1864 and 1912 and is located in a particular princely-looking building dating back to the nineteenth century.
    • Il Grand Palais, con la sua bellissima cupola in vetro e il suo “gemellino”, il Petit Palais che si trova di fronte.
    • Il Ponte Alessandro III, in stile Art Nouveau e realizzato nel 1900 in occasione dell’Esposizione universale. Si dice che sia il più bello dei ponti della Senna, essendo il più ricco di decorazioni (delle sculture allegoriche sormontate da cavalli color oro).

    A little history of the palace

    La costruzione fu commissionata nel 1718, e i costi di realizzazione dell’Eliseo risultarono talmente alti che in una prima fase venne realizzato soltanto il piano terra.


    Il re Luigi XV di Francia acquistò il palazzo nel 1753 e lo donò (regalo impegnativo, vero?) alla sua favorita, Madame de Pompadour, la marchesa che fu l’artefice del rinnovamento e della trasformazione del palazzo in un complesso grandioso!


    Incaricò infatti i migliori artisti e architetti, che crearono magnifici affreschi e arazzi per abbellire il palazzo, e per i sontuosi lampadari scelse puri cristalli di Boemia (tipici souvenir di Praga, ancora oggi).

    Alla morte della marchesa (ahimè, a soli 42 anni di età), il re destinò il palazzo agli Ambasciatori, e gran parte delle opere d’arte e del mobilio furono venduti.

    Nel 1773 il banchiere Nicolas Beaujon acquistò l’Eliseo, e nel 1783 il complesso passò alla duchessa Batilde di Borbone-Orléans, che di fatto ne fu l’ultima proprietaria. Non a caso, prima di essere conosciuto come l’Eliseo, il palazzo era chiamato Hotel de Boubon, in onore della sua ultima abitante.

    Having become a public property, during the French Revolution, the palace was first inhabited by Carolina Bonaparte, and then by the Empress Josephine of Beauharnais. And right in the Elysee palace, Napoleon signed the abdication act in 1815, after the defeat of Waterloo.

    Il primo presidente che stabilì la sua residenza all’Eliseo fu Mac Mahon, nel 1874: da allora, l’Eliseo divenne un luogo-simbolo della Repubblica francese, e continua ad esserlo.

    add a comment from Elysée Palace
    Comment sent successfully! We will review it in the next few hours.